Cronistoria Camminata delle 5 Chiese – [email protected] edizione

Camminata delle 5 Chiese – [email protected] edizione

Foto di gruppo prima di partire

Una bella giornata primaverile ha accolto il folto gruppo di oltre cento camminatori ed amanti delle escursioni naturalistiche che sabato 2 giugno hanno partecipato alla Camminata delle 5 Chiese di Pozzengo, ormai giunta alla [email protected] edizione.

Come di consueto ci si è ritrovati nei pressi del Ristorante Lanterna Blu alle 9 di sabato mattina per la registrazione  e puntuali  alle 9,30ci si è messi in marcia attraversando la Frazione di Gaminella prima di entrare nelle campagne della Valcerrina in direzione di Pozzengo. Il tratto di fondovalle attraversava campi di grano e prati immergendo il gruppo nel  mare verde di questa primavera rigogliosa.

Iniziata una breve salita e dopo aver superato il Pilone di San Giovanni si giungeva ala prima tappa, il Santuario di San Gottardo, centro di devozione di un’ampia area del Monferrato. Dopo una breve sosta si riscendeva in fondovalle tra tartufaie e pioppeti prima di salire per un ripido sentiero che portava alla Cappella di San Bernardo da Mentone nella parte più alta del paese di Pozzengo. Ad attendere i camminatori un piccolo ristoro che prevedeva anche la degustazione di vini locali offerta dalla ditta Melotti Roberto.

Iniziava a questo punto il tratto in discesa attraversando il centro abitato con una visita in rapida sequenza della Cappella di San Rocco, della Chiesa patronale di San Bononio dove i visitatori sono stati accolti dal suono armonioso dell’organo suonato dal maestro Pier Luigi Piano. Ed infine la Chiesetta della Madonna  del Carmine, attualmente in manutenzione per rimediare ad alcuni problemi di stabilità.

Finita la visita  culturale/devozionale riprendeva la  parte naturalistica che attraversando i coltivi di fondo valle riportava gli escursionisti fino all’arrivo a Gaminella.

A questo punto iniziava la parte più golosa della giornata con il pranzo a cura del Ristorante Lanterna Blu a base di risotti, per concludere in “dolcezza” con il famoso zuccotto all’ananas.